L’Italia, l’Austria e il Papa

E’ uscito, per i tipi de La Bancarella Editrice, la seconda edizione del volume di Giuseppe Mazzini “L’Italia, l’Austria e il Papa“. Il libro è un’analisi lucida e spietata della situazione italiana prima del 1860 e parla dell’etica dello stato e della politica, della moralità di un popolo riflessa nei governanti e dell’opportunità di un intervento armato per combattere la tirannide e l’oppressione straniera. Argomenti di una sconvolgente attualità che stanno facendo discutere numerosi studiosi.

Il saggio introduttivo all’opera è stato scritto dal professor Zeffiro Ciuffoletti, docente di Storia contemporanea all’Università di Firenze e studioso del Risorgimento.

L’Edizione è curata da Andrea Panerini, che si occupa di Storia del pensiero politico e che, in appendice al testo, propone un breve lavoro sulle ricerche di Salvo Mastellone circa Mazzini scrittore politico in inglese.

Questo testo mazziniano, scritto in Inghilterra da Mazzini durante l’esilio e mai circolato singolarmente in Italia, è stato riproposto dall’editore in occasione del bicentenario della nascita del grande pensatore genovese anche in considerazione del fatto che è stato a lungo dimenticato ed è introvabile sul mercato librario italiano e viene ristampato in una nuova edizione dopo un notevole successo di interesse e di vendita a distanza di sette anni dalla prima edizione.

“Non lasciate nel mondo a danno vostro l’idea che la Nazione, per la quale la schiavitù del negro è delitto, tolleri con indifferenze quella dei Bianchi, e che sviati da calcoli d’immediato guadagno materiale o acciecati da meschine divisioni di partiti politici, voi avete perduto il senso morale o il coraggio d’applicare logicamente le vostre credenze. (…) Quegli uomini sono i veri colpevoli. Dimenticarono che la Nazione lì chiamo al Parlamento non per sostenere in ogni circostanza uno o altro individuo, ma per sostenere ci ch’è giusto e combattere ciò ch’è ingiusto, senza riguardo a calcoli secondari. Dimenticarono che la salute dell’Inghilterra non dipende da pochi uomini ma dal grado di moralità ch’essa rappresenta. Un popolo morale trova sempre un governo degno di sé.”

Zeffiro Ciuffoletti insegna Storia contemporanea presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Firenze e si occupa da molti anni di Storia del Risorgimento (Cfr. Z. Ciuffoletti, Stato senza Nazione, Morano, Napoli, 1993; Id., Federalismo e regionalismo: da Cattaneo alla Lega, Laterza, Roma-Bari, 1994). Di recente ha pubblicato con Edoardo Tabasso una Breve storia sociale della comunicazione, Carocci, Roma 2005.

Zeffiro Ciuffoletti

Biografia di Andrea Panerini

Giuseppe Mazzini, L’Italia, l’Austria e il Papa, a cura di Andrea Panerini, con prefazione di Zeffiro Ciuffoletti, pag. 132, € 16,00, Bross., Collana, Mazziniana n.1, 1a edizione 2005, 2a edizione 2011, ISBN 9788890208805.

Lascia un commento